Main menu:

Ultimi Articoli

  • Come gestire il tempo

    Salve sono una ragazza di 23 anni, frequento l’Università. Ho intrapreso un percorso universitario lungo, ma non riesco a gestire il mio tempo causando ritardi negli esami, mi sento una persona inconcludente e ho il terrore di deludere la mia famiglia. Ho paura che il tempo passi in fretta e […]

  • Perchè non trovo un fidanzato?

    E’ davvero deprimente vedere che tutte le tue amiche hanno un ragazzo mentre tu sei eternamente single.  “Perché non riesco a trovare un fidanzato?” E’ una domanda che ho sentito spesso da donne di tutte le età. Diciamo che fino a questo momento non sei stata particolarmente fortunata e che […]

  • Monia è innamorata…lui non ricambia i suoi sentimenti

    Dott.ssa buonasera, ho il cuore spezzato, sono innamorata di un uomo che non ricambia i miei sentimenti…. Cosa posso fare per smettere di soffrire? Grazie Monia Ciao Monia, l’amore non corrisposto è davvero doloroso. È una brutta esperienza sia per la persona innamorata che per l’oggetto del desiderio. L’obiettivo che […]


Come gestire il tempo

gestione-tempo-638x425Salve sono una ragazza di 23 anni, frequento l’Università. Ho intrapreso un percorso universitario lungo, ma non riesco a gestire il mio tempo causando ritardi negli esami, mi sento una persona inconcludente e ho il terrore di deludere la mia famiglia. Ho paura che il tempo passi in fretta e io non riesca a raggiungere i miei obiettivi. Come posso risolvere questa situazione?

Ciao,
prima di risponderti ti faccio delle domande che forse ti faranno riflettere, mi hai detto tante cose e me ne hai taciute troppe. Per esempio: come ti chiami? che cosa staiVanessastudiando? I tuoi studi ti daranno uno sbocco professionale? La scelta degli studi è stata tua o sei stata condizionata dalla famiglia che vuoi e non vuoi deludere? La tua vita al di fuori del dovere è soddisfacente? Hai avuto qualche seria delusione sentimentale? Sei in conflitto con la famiglia?
Non avendo molte informazioni faccio un ipotesi: potrebbe trattarsi di una crisi di crescita; è una problematica che può emergere a qualsiasi età ma, molto spesso, coincide con la fine degli studi.
Potresti aver paura di ciò che più desideri: l’indipendenza. Se le domande che ho scritto sopra non ti hanno suggerito che il problema potrebbe essere esterno a te, ma ci sei talmente dentro da non accorgertene, ti dirò che secondo me hai paura del passaggio, di essere costretta a diventare adulta. E, ahimè, succede a tutti. E, per fortuna, è sempre successo ma gli adulti hanno la tendenza a non ricordare.
Hai due possibili strade per uscirne. La prima è fermarti e cercare di capire cosa sta accadendo dentro di te, non concentrarti sul problema esami ma guarda cos’altro accade intorno a te, parlo di spostare i tuoi pensieri su altro: pensa a cosa accadrà, secondo te, quando avrai terminato l’università, immagina il lavoro che ti aspetta e chiediti se è quello che vuoi e se sarà facile trovare un impiego…devi porti delle domande; in questo percorso di introspezione potresti chiedere aiuto ad uno psicoterapeuta.
La seconda possibilità è quella di cercare di portare avanti la scelta fatta, di non cedere al panico e proseguire con il percorso scelto cercando di aggirare il problema, provando ad agire: potresti provare a studiare con altri, chiedere aiuto a coetanei, scegliere corsi che comportino lavori di gruppo, frequentare e trovare amici dentro e non fuori dall’università, adottare un nuovo metodo di studio.

Saluti
Dott.ssa Vanessa Tartaglia